Southafritaly

Info e viaggi Sud Africa Italia; News and travel South Africa Italy

Archive for February, 2012

Prendi i soldi e vola (via Germania)

737_800.jpgSei anni fa, quando cercai il primo volo per il Sudafrica, rimasi sorpreso nell’accorgermi che per andare dall’Italia verso sud (Cape town) era necessario prima andare a nord (Francoforte). A distanza di 6 anni ancora le cose non sono cambiate, e praticamente né la compagnia di bandiera sudafricana tantomeno altre effettuano ancora voli diretti dall’Italia verso la punta estrema del continente africano.

Nonostante questo, chi può fa bene ad andare. Specialmente se ha modo di prenotare entro l’otto marzo: Southafrican Airways offre una tariffa speciale per i chi prenota entro quella data un volo programmato nel periodo compreso tfino al 28 giugno oppure tra il 12 novembre e il 12 dicembre 2012. Il prezzo (a persona andata e ritorno, tasse incluse) è di 699 euro se si vola dall’Italia a Johannesburg, e 829 euro se si prosegue per Cape Town. I voli transitano via Monaco o Francoforte da tutti i principali aeroporti italiani: Milano, Roma, Torino, Genova, Bologna, Venezia, Verona, Trieste, Firenze, Pisa, Ancona, Rimini, Brindisi, Napoli, Palermo, Catania, Cagliari.

  • 0 Comments
  • Filed under: Italy-SA, travel
  • Six years ago, searching for my first flight to SA, I found myself surprised when realizing that I should have flew north (Germany) before flying south (Cape town). Six years later, nothing has changed, and no air companies flies yet straight from Italy to SA.

    Anyway, the one who has the chance to fly should better to take it. Especially before march 8th: Southafrican Airways makes a special offer on flights between now and june 28th, and between novembre 12th and decembre 12th. It costs 699 euros round trip tax included from Italy to Joburg, and 829 euros if you go until Cape Town. This offer is valuable from 17 italian airports.

  • 0 Comments
  • Filed under: Italy-SA, travel
  • grecia.jpg 

    Miniere. Il Sudafrica non nazionalizzerà le miniere. Sui media finanziari italiani è rimbalzata nel week end la dichiarazione del Presidente sudafricano Zuma che tranquillizza gli investitori internazionali, e ‘scuote’ ulteriormente il dibattito interno al partito di maggioranza, l’Anc, già movimentato per l’allontanamento di Julius Malema, capo destituito della federazione giovanile e forte sostenitore delle nazionalizzazioni.

    Banche. Standard & Poor’s ha declassato 34 banche italiane, Il sistema bancario italiano, secondo l’agenzia di rating, ora non è più solido di quello del Sudafrica. Le pronunce di tali agenzie vanno prese con le molle. Ma tant’è.

    Turismo. Mentre la promozione del turismo italiano nel mondo pare ancora in mezzo al guado (dopo le ‘prodezze’ della Brambilla il 2011 si è chiuso in saldo negativo di turisti rispetto al 2011, e con il nuovo Governo il Ministero è stato accorpato in quello dello Sviluppo), il Sudafrica dà esempio di sinergia ed alla imminente Bit (il salone turistico più importante nel paese) si presenterà assieme a Mozambico e Angola, quest’ultima vera ‘new entry” del panorama outgoing italiano.

    Lavoro. Sui media italiani in questi giorni è rimbalzata anche la storia di Julie, una insegnante greca costretta dalla crisi galoppante del suo paese ad emigrare in Sudafrica, dove ha trovato un posto di lavoro pagato il doppio. Una storia-simbolo, probabilmente una delle tante, di un momento epocale.

    bit.jpgMines. Sa won’t nationalize mining industries. Mani financial newspapers in Italy reported last weekend President Zuma’s declaration who get calm international investors, and shak once more Anc internal debate.

    Banks. Standard &Poor’s degraded 34 italian banks: italian banking system, according to rating agency, is nowadays as solid as SA’s one. We’ve got to handle carefully agencies pronunciations but, anyway, that’s what they said.

    Tourism. While italian promoting system seems to be stll disoriented, Southafrica shows spirit of collaboration going to the Bit 2012 (main italian tourism fair, in Milan), altogether with Mozambique and Angola. This one promises to be a brand ‘new entry’ in italian outgoing offer market.

    Jobs. Italian media also reported plenty of stories from Greece, last days, included Julie’s one, a greek teacher forced from her country crisis to emigrate in Southafrica, where she has found a job payed twice the amount she was used to receive in Greece. One of a million symbol-stories, in this hard era.

    Per fare un sito ci vuole un albero

    Quanta CO2 produce questo blog? Secondo il Dr. Alexander Wissner-Gross, attivista ambientale e fisico di Harvard, citato da Doveconviene.it, un sito web produce una media di circa 0,02 g di CO2 per ogni visita. Assumendo 15.000 pagine visite al mese, questo si traduce in 3,6 kg di CO2 l’anno. Questa produzione è legata soprattutto al funzionamento dei server.

    Se questo è vero, quanta CO2 viene assorbita da un albero? Dipende da diversi fattori, ma la Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) calcola che un albero assorba ogni anno in media circa 10kg di CO2. Noi consideriamo prudentemente 5kg l’anno per ogni albero.

    Dunque, un albero neutralizza le emissioni di CO2 di questo blog, per 50 anni. I blog produce 3,6kg di CO2 l’anno, un albero ne elimina 5 e vive in media 50 anni. Provare a piantarne uno non è una pessima idea. Ecco perché Go2010 ha deciso di sostenere l’iniziativa di Doveconviene.it

  • 0 Comments
  • Filed under: society
  • Missione Ska

    ska2.jpgBenché non sia questa l’epoca in cui il mondo guarda con maggior interesse a quello che c’è fuori dal mondo, la ricerca spaziale resta uno degli ambiti in cui l’Italia può ancora definirsi all’avanguardia. E’ da guardare con interesse allora la partnership che Italia e Sudafrica (assieme a Cina, Olanda, Nuova Zelanda e Gran Bretagna) hanno stretto nel progetto SKA (Square Kilometer Array), la cui prima realizzazione concreta dovrebbe essere la localizzazione nel Northern Cape di un sito di osservazione da 3mila antenne paraboliche. La data-obiettivo è tutt’altro che vicina (2025) ma il progetto è comunque ufficialmente partito all’inizio del 2012 con una conferenza a Roma, a cui per l’Italia ha partecipato l’Istituto Nazionale di Astrofisica. Dal progetto è atteso un forte indotto scientifico, tecnologico e di innovazione in genere. La notizia entra in circolo nei giorni in cui uno scienziato dell’Università di Gottingen ha annunciato di aver individuato un pianeta dalle caratteristiche del tutto simili a quelle della terra, distante da queste 23 anni luce. Chissà che un domani queste due strade non s’incrocino…

  • 0 Comments
  • Filed under: Italy-SA
  • Looking at the space

    This is not the best time for dreaming on a space trip. Anyway, Space research is still on e of Italian best performing fields. So it’s interesting to look at the partnership recently started between Italy and SA (and New Zealand, Great Britain, China and Netherland too) in SKA project (Squadre Kilometer Array). First goal of this project seems to be the a telescope building in southafrican region of Northern Cape. Promoters aim to complete it in 2025, and the project was officially presented in january 2012 during a conference in Rome, where the National istitution for Astrophysics (Inaf) represented Italy. An important spill over in Ict, ecoly and power supply and high tech infrastructures are expected. We’ve know about it just some days before a scientist of Gottigen University announced he discovered a new planet very similar to earth, 23 ligh-years far in the space. May be on day this two discovering road wil meet each other…

  • 0 Comments
  • Filed under: Uncategorized